Malcolm X: l'influenza politica nella musica afroamericana (l'altra faccia del jazz)

13,53 $
Tasse incluse
Quantità
DISPONIBILE

 

Politica di sicurezza

 

Politica di consegna

 

Politica di reso

 

Spedizione gratis da 50,00€

 

Spedizione gratis (ritiro in libreria)

"Il jazz, nonostante abbia dato origine alla musica commerciale fin dalle sue origini che risalgono al 1917, non è mai stata una musica di massa. È stata,invece,la passione di una minoranza e l'interesse da parte di una minoranza verso questa musica è andato nel tempo sempre più diffondendosi. Parlo di minoranza perché questo testo affronta un problema politico legato al jazz, alla musica afroamericana e al popolo africano che, nonostante tutto, in America non era più un popolo, ma una razza in minoranza che veniva (e viene ancora) trattata come tale, senza diritti e senza potersi emancipare dall'uomo bianco né avere una sua dignità e autonomia. Nel primo decennio del secolo scorso però il jazz veniva considerato musica folkloristica americana e, in seguito, musica d'arte americana. Grazie alla passione e alla divulgazione di questa arte da parte della minoranza più o meno colta, il jazz ha superato i limiti del folklore e del territorio ed è diventato cultura del mondo. A mio avviso, la figura più rappresentativa del secolo scorso, che ha aiutato gli afroamericani a prendere coscienza della loro identità di cultura subalterna alla cultura del popolo bianco, è certamente quella di Malcolm X." (L'autore)

9788833810928
100 Articoli

Scheda tecnica

ISBN
9788833810928
Autore
Michele Villari
Collana
Seikilos
Anno
2019
Numero di pagine
146
Tipo di copertina
Flessibile

Riferimenti Specifici

Nuovo prodotto
chat Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.